Chiesa di Sant’Orsola

Chiesa di Sant’Orsola (o dell’Addolorata)

L’esistenza della Chiesa è indicata dagli storici locali al secolo XIV (1339), ma è probabile che il primo impianto risalga al secolo XII; subì restauri nel XV secolo, tra il 1430 e il 1436, venne rinnovata e ampliata nel XVII (1631), e nel XVIII fu decorata con stucchi negli altari.

Sullo sfondo scenico del monte Cofano, tra cielo e mare si eleva l’alta cupola, posta all’incrocio della navata unica della chiesa con il transetto: l’ingresso più antico (ad oriente) è segnato da un portale ogivale (sec XIV), a ghiere multiple, decorato con elementi a zig-zag e preceduto da una originale scalinata.

La chiesa, oggi adibita ad auditorium, conserva nel suo interno pregevoli esemplari di scultura rinascimentale riferibili al lombardo Gabriele di Battista, Antonino Gagini e alla bottega gaginesca. Al più famoso dei Gagini, Antonello, appartiene l’elegante statua di San Giovanni Evangelista (1531), posta nel transetto destro, nella cui base sono rappresentati a rilievo il martirio del Santo ed un personaggio in preghiera, forse il committente.

Vi sono sono inoltre esposti i resti di affreschi medievali provenienti dalla chiesa  rupestre di Santa Maria Maddalena; degna di nota inoltre la decorazione in stucco degli altari, realizzata nel secolo XVIII, in particolare l’altare di San Vito.

Lascia un commento

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the bookyourtravel internet portal. You are requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice or explanations.

La tua email non verrà pubblicata. I campi obbligatori sono firmati con *