San Vito lo Capo

Web

SAN VITO LO CAPO

“Terra di cielo e di mare”, “gioiello splendente” per luce e colori, “meta tra sogno e desiderio” mare limpidissimo, natura incontaminata, “rena impalpabile”, da fare invidia ai più rinomati paradisi dei mari del sud e quante altre definizioni ancora si potrebbero riferire a questo borgo incantato, disteso e racchiuso  in una  baia  sulla costa nord occidentale della Sicilia compreso tra le Riserve Naturali dello Zingaro e di  Monte Cofano, in un territorio tra i più suggestivi della Sicilia e del Mediterraneo.

Nella ridente cittadina mare e sole sono protagonisti, associati a storia natura e monumenti, ma anche all’ospitalità sincera degli abitanti e alla gastronomia ricca e fantasiosa.

Immersa in un paesaggio costellato da rocce alte, spiaggette e scogli appuntiti, grotte, bagli e torri,  San Vito accoglie con la stupenda costa di Makari e il bastione di Monte Monaco con il  pizzo omonimo  che,  a seconda da dove si guarda, assume ora la forma di un prete in preghiera, ora di un cane in corsa.

Dalla sommità del monte, raggiungibile attraverso sentieri,  unica e irripetibile è l’emozione che si prova  alla vista dall’alto dei tre golfi insieme, di Castellammare, San Vito e Cofano, e nelle giornate di grande visibilità, anche dell’isola di Ustica.

La  storia della città è legata a San Vito che, secondo la tradizione, si soffermò a Egitarso o Egitallo, denominazione romana del sito, nel III secolo d.C.

Robusto e solenne nel suo aspetto di fortezza nella piazza principale si erge il santuario-fortezza dedicato a San Vito, sorto presumibilmente nel secolo XV, inglobando le strutture di una preesistente chiesa paleocristiana e rafforzato nel secolo XVI. Dalle terrazze del santuario si gode dello stupendo panorama sulla spiaggia, lunga tre chilometri, sul mare azzurro e sulla cittadina, della quale si apprezza  l’impianto regolare con case basse e vie rette e parallele.

A Santa Crescenzia, nutrice di S. Vito, è dedicato un piccolo suggestivo edificio a pianta quadrata, un originale esempio di architettura  di fine secolo XV-inizi XVI, con influenze arabe, normanne e gotiche, dalla particolare soluzione della cupola, sostenuta da trombe a ventaglio.

Lungo la fascia costiera si ergono le torri Scieri, Mpisu e Isulidda, realizzate nel secolo XVI per avvistare la presenza dei pirati che infestavano il mare Mediterraneo; nel Golfo del Secco si trova l’impianto a terra di una dismessa tonnara, documentata fin dal 1412.

DA NON PERDERE

  • Isulidda

    Torre Isulidda

    Torre Isulidda è una delle torri costiere di avvistamento, comprese nel circuito progettato nel 1583 dall’architetto fiorentino Camillo Camilliani,...

  • IMG_0104

    Cappella Santa Crescenzia

    Il piccolo suggestivo edificio a pianta quadrata con cupola a sesto rialzato, aperto da archi ogivali, è un originale ...

  • Festa di San Vito

    Festa di San Vito

    La città dedica al suo Santo titolare solenni festeggiamenti, dal 13 al 15 giugno. È un momento religioso  a...

  • piazza san vito

    Il santuario – San Vito Lo Capo

    Il Santuario-fortezza sorse quasi certamente nel secolo XV per proteggere i pellegrini dalle incursioni dei pirati, inglobando le strutture...

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la pagina Privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi