Chiesa del Collegio dei Gesuiti

Chiesa del Collegio dei Gesuiti

Chiesa del Collegio dei Gesuiti3

La Chiesa, il Collegio e la Casa  dei Gesuiti formano un  suggestivo complesso architettonico  che occupa un intero isolato compreso tra corso Vittorio Emanuele e le vie Roma, Tenente Genovese e  Mancina.

Alla costruzione attesero sul finire del secolo XVI e gli inizi del XVII i Padri della Compagnia di Gesù, dopo essere stati provvisoriamente ospitati presso la chiesa di S. Michele prima e, successivamente presso la loggia dei Pisani, usufruendo di elargizioni di cittadini trapanesi e di donazioni di immobili da parte di Mariano Mongiardino e del Senato.

Come era in uso presso la Compagnia di Gesù, l’incarico del progetto fu affidato ad un architetto dell’ordine, il messinese Natale Masuccio, autore di opere gesuitiche a Palermo, Caltanissetta, Messina, Sciacca e Malta.

Il Masuccio ideò la chiesa attigua al collegio e comunicante con esso: lasciò isolata la casa per la presenza di una strada che collegava le odierne vie Malato e Lombardo. Tale inconveniente che determinava anche l’impossibilità di realizzare le absidi della chiesa ,indusse nel 1606 il rettore della Compagnia a chiedere al Senato della città la chiusura della strada sì da creare un unico grande complesso che avesse comunicanti la chiesa, il collegio e la casa. Accolta l’istanza (1655 ca.) i tre edifici poterono essere collegati tra di loro.

La facciata della chiesa, completata nel 1657 dall’architetto lucchese Francesco Bonamici, è vivacizzata nel primo ordine da manieristiche cornici, colonne, paraste e da timpani spezzati, rigorosamente disposti; nel secondo si arricchisce di elementi tipici dei coronamenti barocchi: volute, statue ed un finestrone centrale.

L’interno ha una rigorosa planimetria basilicale a tre navate, divise da colonne ed archi a serliana; le pareti sono decorate con marmi mischi e con stucchi eseguiti nel XVIII secolo da Bartolomeo Sanseverino, allievo del Serpotta.

Nel 1714 l’architetto Giovanni Biagio Amico realizzò la cappella di Santo Ignazio, a sinistra dell’abside.

Vi si conservano pregevoli opere tra cui: un’icona marmorea (sec. XVIII) di Ignazio Marabitti, raffigurante l’Immacolata posta sull’altare maggiore; un Crocefisso ligneo di Giuseppe Milanti (sec. XVII). Un pregevole armadio ligneo (sec. XVII) è conservato in sacrestia.

Attigui alla chiesa sono i locali dell’ex Collegio, già sede del liceo Classico “L.Ximenes”, e della Casa Gesuitica (con ingresso su via Roma ), ex  tribunale.

Il complesso è espressione del modulo architettonico unitario di stampo manieristico creato dai Gesuiti nella seconda metà del sec. XVI, propagatosi da Roma in varie regioni d’Italia e specialmente nel Mezzogiorno, grazie ad un gruppo di architetti e capi muratori della Compagnia.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la pagina Privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi